Configurare filtri Doctrine 2 in Zend Framework 2

Scenario

Un filtro di Doctrine è uno strumento molto potente che può essere utilizzato per aggiungere condizioni a livello SQL all’interno del nostro gestore di oggetti Doctrine 2. Ciò significa che i filtri influenzeranno il comportamento di query DQL, collezioni, recupero dati, ecc.

Come configurare ed utilizzare filtri in condizioni generali è ben spiegato in questo questo articolo della documentazione officiale di Doctrine, ma in un progetto basato su Zend Framework 2, la stessa operazione è un po’ diversa.

Così, in questo articolo, vedremo come configurare uno o più filtri nei nostri progetti sviluppati su Zend Framework 2.

Esempio esplicativo

Il seguente esempio è basato su quello riguardante un filtro “locale” mostrato nel manuale di Doctrine. Assumeremo di avere un progetto ZF2 funzionante sviluppato a partire da ZendSkeletonApplication con il modulo DoctrineORMModule configurato (fare riferimento ai manuali ufficiali per raggiungere questo obiettivo).

Innanzitutto, abbiamo bisogno di una classe interfaccia da utilizzare come segno distintivo per decidere quali entità saranno influenzate dal filtro. Quindi, se vorremo che un filtro sia applicato ad un’entità dovremo solo fargli implementare tale interfaccia. Ovviamente, possiamo anche utilizzare l’interfaccia per specificare quali metodi implementare nell’entità, se vogliamo. Questo può essere utile e vedremo un esempio in un prossimo articolo.

Continue Reading

Setup Doctrine 2 filters in Zend Framework 2

Scenario

Doctrine filter is a very powerfull tool that can be used to add conditional clauses at SQL level into our Doctrine 2 engine. This means that filters constraints will affect DQL queries, collections, lazy loading, etc.

How to setup and use filters in generic conditions is well explained in this article of official Doctrine documentation, but in a Zend Framework 2 project, the same operation is a bit different.

So, in this post, we will explain how to configure one or more filters into our Zend Framework 2 projects.

Continue Reading

Get latest LibreOffice in Ubuntu

LibreOffice is actually the most famous Open Source Office Suite. Unfortunately, Ubuntu repositories often doesn’t contains latest versions of it.

If you like to have your LibreOffice always updated, you can simply execute following commands in your terminal:

$ sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa
$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get dist-upgrade

At the end of the process, simply run LibreOffice from applications menu and have fun.

Nota: Questo articolo è disponibile anche in lingua italiana.

Creare e modificare documenti PDF con LibreOffice

Creare file PDF è un’operazione piuttosto comune. Modificarli, invece, è un po’ meno comune ma, comunque, una funzione molto richiesta.

LibreOffice esporta normalmente documenti in PDF. Dovete semplicemente cliccare su File -> Export in formato PDF.

Ma, se lo desiderate, potete anche importare un PDF in Writer al fine di modificarlo. Tutto ciò di cui avete bisogno è un estensione chiamata pdf-import. Per installarla, eseguite semplicemente i seguenti comandi nel vostro terminale:

$ sudo apt-get install libreoffice-pdfimport

Alla fine del processo, potrete aprire i file PDF direttamente con LibreOffice Writer cliccandovi con il tasto destro e selezionando “Apri con Writer”.

Create and edit PDF documents with LibreOffice

Create PDF files is a very common operation. Modify them is a bit less common but, anyway, a very requested feature.

LibreOffice exports documents as PDF by default. You simply click File -> Export in PDF format.

But, if you want, you can also import a PDF file into Writer to modify it. All you need is an extension called pdf-import. To install it, simply execute following commands in your terminal:

$ sudo apt-get install libreoffice-pdfimport

At the end of the process, you will be able to open PDF files directly with LibreOffice Writer by right clicking on it and selecting “Open with Writer”.